La sindrome da astinenza da cocaina studiata dal N.I.D.A.

Uno studio sull’astinenza da Cocaina

astinenza cocaina

Il NIDA (National Institute for Drug Abuse) studia l’effetto di una brusca interruzione della somministrazione endovena di cocaina presso l’IRP ovvero l’Intramuscular Research Programme di Baltimora, nonché presso il Centro della Harvard University di ricerca sui primati in Southborough (Massachusetts).

Mentre la ricerca neurobiologica classica aveva evidenziato l’effetto della cocaina sulla ricerca compulsiva della droga, il tipico craving, ora si studiano gli effetti della droga sull’umore, con particolare riguardo per l’epinefrina (NE = nor-epinefrina) cioè per il neurotrasmettitore che, insieme alla serotonina, è la chiave per il buon umore, l’ottimismo e per l’equilibrio sonno-veglia. Tutto fa pensare che la cocaina possa interferire con l’abilità della NE di stimolare le cellule cerebrali attraverso la mediazione di una proteina, il recettore alfa-2-adregenico, che si trova sulla superficie delle cellule.

Ora, per valutare la risposta del sistema adrenergico, si misura la qualità di GH (ormone della crescita) che viene prodotto dopo iniezione di clonidina. I depressi secernono una quantità minore di GH dopo la stimolazione con la clonidina e lo stesso avviene dopo l’iniezione di due bloccatori del sistema adrenergico la yoimbina e l’RS 79948. A seguito di tali blocchi i primati (scimmie, scoiattoli) mostrano chiari segni di ansietà e vanno incontro ad una sorta di craving per la cocaina. Sembra, pertanto, che il sistema adrenergico abbia un ruolo nel processo di dipendenza ed i ricercatori si indirizzano verso le componenti neurochimiche dei processi di ricaduta. Appare soprattutto importante l’esplorazione dei meccanismi di ricompensa che influiscono sull’umore, per cui ci si orienta verso lo studio dell’individuazione di diversi obiettivi nel processo di dipendenza, considerando gli stadi del processo di ricompensa e di influenza sull’umore.

Dal punto di vista della sperimentazione animale va sottolineata la prospettiva di utilizzare le ipotesi sui meccanismi di azione, onde poterli bloccare o incentivare. Certo, il quadro dell’astinenza nei topini non può essere paragonata a quello provocato dalla brusca interruzione dell’assunzione di droghe per via endovena in animali pieni di piccoli cateteri. Ma intanto si possono dimostrare, non solo le reazioni della ricerca affannosa della pompa che eroga la droga, ma anche variazioni prolungate
dell’umore, l’astenia, l’irritabilità.

L’ipotesi di un’azione della cocaina come stimolatore della produzione di GH (ormone della crescita) spiega il blocco nel rilascio di questo ormone, che si verifica anche dopo stimolazione specifica con la clonidina. Tutto fa ipotizzare a un’azione della cocaina come desensibilizzante del sistema adrenergico, con influsso negativo nei confronti della produzione di dopamina.

Sono importanti a questo punto le analogie con il quadro derivante dal blocco dei recettori alfa-2-adrenergici, provocato dalla somministrazione della yoimbina o dell’RS-79948. Si poteva pensare che la yoimbina agisca stimolando i movimenti e quindi, rendendo l’animale da esperimento (la scimmia) libero dai blocchi dei recettori alfa-2-adrenergici ovvero agitato. Quasi come un corollario si comprende come la ricaduta nel consumo di cocaina possa essere determinata dalla comparsa di stress ambientali.

Fonti: Baumann M.H., Milchanowski A.B., Rothman R.B.: Evidence for alterations in a2-adrenergic
receptor sensitivity in rats exposed to repeated cocaine administration, Neuroscience 125(3): 683-690,
2004.

Lee B., Tiefenbacher S., Platt D.M., Spealman R.D.: Pharmacological blockade of a2-adrenoreceptors
induces reinstatement of cocaine-seeking behavior in squirrel monkeys, Neuropsychopharmacology,
29(4): 686-693, 2004.

Articoli Correlati:

  • Non ci sono articoli simili

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *